Le persone che sono solite guidare tutti i giorni per lavoro devono essere certe di poter contare sua una vettura affidabile e sicura. Tra gli elementi più importanti da tenere in considerazione rientrano le condizioni di pneumatici e sistema frenate. Spesso, invece, si tende a sottovalutare le condizioni dei cristalli auto, anch'essi componenti fondamentali proprio nell'ambito della sicurezza.

I vetri costituiscono anche uno dei punti più sensibili, tanto che una scheggiatura può compromettere la funzionalità.
Guidare un veicolo con i vetri rotti non rappresenta solo un pericolo per chi si trova a bordo dell'auto; il codice della strada prevede l'applicazione di multe più o meno "salate" a seconda della gravità del singolo caso.
I cristalli auto, oltre a scheggiarsi (questo può accadere anche a causa di un semplice sassolino proveniente dalla vettura che precede), sono soggetti a graffi. Si tratta di un evento che si verifica più frequentemente di quanto si creda. Se i tergicristalli non vengono sostituiti da troppo tempo, ad esempio, il loro utilizzo può compromettere la visibilità.

Un altro imprevisto è rappresentato dal parabrezza incrinato. Il rischio non è solo legato, ancora una volta, ad una riduzione del campo visivo del conducente. Per quanto possa sembrare incredibile, un vetro incrinato incide negativamente sulla stessa struttura del veicolo; infatti, il contributo normalmente esercitato dal parabrezza sulla rigidità torsionale di un'auto è decisamente elevato. Quando la crepa ha dimensioni piuttosto limitate è possibile limitarsi ad un intervento di riparazione. Normalmente si
indica in una moneta da 2 euro la misura massima che consente di evitare la sostituzione. Anche davanti ad una scheggiatura, la decisione in merito viene presa dopo aver valutato le dimensioni del danno; nel caso specifico, la rottura deve trovarsi ad almeno 5 cm dal bordo del parabrezza.

Qualsiasi sia il problema relativo ai cristalli auto, è importante intervenire con tempestività. Che si tratti di scheggiature, graffi, incrinature o vere e proprie rotture, rivolgersi a degli installatori professionisti è il modo migliore per capire la gravità della situazione e, in tal modo, riuscire a trovare la soluzione ideale.
Se oggetto del danno sono i vetri dei finestrini, oppure il lunotto posteriore, non è possibile ricorrere alla riparazione; in questi casi, la sostituzione si rende inevitabile.

I produttori che utilizzano ricambi originali, denominati OEM (acronimo di "Original Equipment Manufacturer"), hanno la possibilità di fornire vetri in grado di riportare la vettura alle condizioni originali. Dei cristalli che siano conformi agli standard OEM garantiscono la totale sicurezza. Inoltre, gli installatori professionisti hanno la competenza necessaria per portare a termine l'operazione velocemente, e in modo ottimale. Un tempo, il parabrezza rappresentava una semplice lastra curva realizzata in vetro e circondata da una guarnizione di gomma. Con il passare degli anni, il montaggio dei vetri è stato affidato ai robot, che operano con precisione "chirurgica"; una volta raggiunto l'obiettivo, del collante poliuretanico fissa il parabrezza al telaio. Proprio il fatto che la maggior parte delle case automobilistiche può avvalersi delle tecnologie costruttive più evolute, rende la sostituzione un'attività delicata, che può essere effettuata solamente da installatori dotati di grande esperienza.