Il pilates: storia, origini ed attualità

Il successo del metodo nel nostro paese

Il cosiddetto ‘metodo Pilates’ è un sistema di allenamento che si è sviluppato durante gli inizi del secolo scorso grazie all’opera dell’omonimo preparatore atletico statunitense Joseph Pilates. Il programma di esercizi elaborato da Pilates si concentra sui muscoli posturali, capaci di bilanciare il corpo e sostenere la colonna vertebrale. Il fondatore del metodo, Joseph Pilates, lavorò come infermiere con dei malati che soffrivano di infermità e disagi lasciati dalla prigionia in tempo di guerra.

Iniziò a riabilitarli, utilizzando come strumenti le molle dei letti e costruendo apparecchiature che consentissero alle persone costrette a letto di eseguire gli esercizi. Si avvalse del metodo anche per risolvere i propri problemi fisici, come il rachitismo e l’asma. Così sono nati i celebri macchinari del metodo Pilates, capaci di far lavorare i muscoli interni contro la forza di opposizione delle molle.

L’Italia è uno dei paesi europei, insieme alla Gran Bretagna, in cui la tecnica del pilates si è sviluppata maggiormente già a partire dalla fine degli anni ‘80. Il metodo Pilates si è diffuso nel nostro paese prima a Milano, poi a Roma e, gradualmente, su tutto il territorio nazionale. Negli ultimi tempi, gli insegnanti degli studi di pilates privati devono ricevere una certificazione rilasciata dalle scuole officiali della disciplina, avviare un lungo iter formativo teorico e pratico, superare un esame finale ed intraprendere un percorso di aggiornamento continuo.

Il pilates non è uno sport, pertanto non ha nessuna finalità agonistica. Ciononostante, esso fornisce un supporto fondamentale ad una preparazione atletica di carattere agonistico di qualsiasi tipo, adatta per esempio al nuoto, allo sci, al tennis, al calcio, al golf ed a tante altre discipline sportive. In genere si consiglia di praticare pilates almeno due volte a settimana. 

Gli esercizi posso svolgersi a corpo libero sul tappetino oppure utilizzando piccoli attrezzi, postazioni propriocettive e i macchinari originari concepiti da Joseph Pilates. Gli esercizi sono innumerevoli e variano a seconda del programma di allenamento e di riabilitazione prescelto.

Nonostante l’innegabile popolarità del pilates nel nostro paese, è bene fare una distinzione tra il ‘metodo Pilates’ vero e proprio, praticato esclusivamente in studi certificati per piccoli gruppi di non oltre cinque persone, ed il pilates più simile al fitness, il quale viene praticato solitamente nelle palestre che non sono in grado di offrire un’adeguata preparazione degli insegnanti, spesso in condizioni di sovraffollamento e prive dei macchinari adatti. D’altro canto, i veri studi di pilates in Italia hanno dimostrato una crescita esponenziale negli ultimi 10 anni, affiancando sempre più spesso un supporto di carattere riabilitativo e di rieducazione al movimento tramite l’utilizzo di attrezzature specifiche della disciplina del pilates, come ad esempio reformer, cadillac, chair e così via. 

In questo articolo abbiamo provato a descrivere nel migliore dei modi le potenzialità di un prodigioso sistema d’allenamento. Incoraggiare l’uso della mente per controllare i muscoli, infatti, migliora sensibilmente i nostri movimenti, la nostra postura ed il nostro benessere psicofisico. Il metodo Pilates offre enormi possibilità di crescita per tutti coloro i quali vogliano intraprendere un serio programma di allenamento e può essere affiancato e continuare un lavoro “post riabilitatorio”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi